Ines Garcia

Corridor 

DATA DI PRODUZIONE: 2017
DURATA: 2min 31sec

Se c’è un movimento esistante, tutto deve essere ripreso

L’artista attraverso questo lavoro studia il tempo e la sua evanescenza fugace e brillante, così come sceglie anche di usare l’immagine in movimento come testimonianza di un breve e transitorio momento nello spazio e nel tempo.

Nella sua pratica artistica, l’obiettivo è quello di creare uno spazio mentale che elimina i confini tra il reale e l’irreale al fine di causare un’ambiguità, uno slittamento tra sonno e risveglio.

Dune 

DATA DI PRODUZIONE: 2016
DURATA: 4min 22sec

Grado zero di apparizione. Noi siamo niente. Noi siamo tutto

Il lavoro dell’artista si concentra sul movimento, sul tempo e sul confine labile e precario tra realtà oggettiva e realtà poetica. In questo lavoro, l’artista è particolarmente interessata alla creazione di tempi transitori che non si riferiscono ad un mondo esterno, ma è una rappresentazione mentale che va a eliminare i confini tra il reale e l’irreale al fine di creare un’ambiguità inquietante, uno slittamento tra sonno e risveglio.

L’obiettivo è quello di trasformare il movimento traslazionale in un movimento espressivo, al fine di mutare il concetto di arrivo verso un progressivo diniego dell’intervallo di tempo. L’obiettivo principale della sua ricerca si sviluppa intorno all’idea del tempo nella sua evanescenza fugace e brillante, così come intorno all’utilizzo del video come testimonianza di un breve e transitorio momento nello spazio e nel tempo.

Ines Garcia

INES GARCIA 

(Spagna, 1983)

Ines Garcia ha conseguito una laurea in Belle Arti all’Università di Barcellona. In Spagna, ha partecipato a diverse mostre a Barcellona, ​​Bilbao e Madrid. All’estero, invece, ha partecipato al Latino Video Art Festival di New York, alla mostra Wege ums Kino a Berlino e al FIVA di Buenos Aires. Negli ultimi anni è stata selezionata a Les Rencontres Internationales, al 33esimo Fahrd Film Festival di Teheran, e i suoi lavori sono stati proiettati anche alla Tabakalera di San Sebastian, alla Sala Rekalde a Bilbao e all’Instituto Cervantes di Lisbona.

Website